L’Aquila post # 08

L'Aquila_Post08

29.08.09: sveglia alle ore 5.40am.
Chi mi conosce sa che per me è estremamente difficile svegliarmi a queste ore e che piuttosto preferisco fare tardi a lavorare al pc fino a notte fonda… Ma i ritmi intensi di questa settimana ci hanno abituati a non risparmiare noi stessi e anche quest’ultima levataccia non è un problema. Appena fuori della tenda mi concedo solo un istante per osservare il cielo già rosa-azzurro dietro le montagne: il parco Baden Powell è deserto e silenzioso, dormono tutti, l’aria è fresca e cristallina e io mi avvio, asciugamano in spalla, al container a fianco delle tende per farmi una doccia rigenerante, così da svegliarmi completamente.

E’ l’ultimo giorno all’Oratorio don Bosco, giorno di partenze, e bisogna accompagnate Jennifer e Ziad all’aeroporto di Roma Ciampino in tempo utile per il volo per Londra, previsto per le 10.10am. Giulio è bloccato a letto con la febbre da ieri sera, è in fase di netto miglioramento ma è escluso che ci vada lui. Niente paura: la mia macchina è ormai abituata a fare gli straordinari in questi giorni e basta tirare giù un sedile per fare spazio a tutti i bagagli da caricare. Dopo una settimana, le strade de L’Aquila non hanno più segreti ormai e a quest’ora il viale che porta all’albergo degli amici inglesi è deserto e lo percorro a tutta velocità.

Jennifer adora la mia Fiat 500, ne ha ordinata una pure lei e dovrebbe arrivarle il mese prossimo; appena si accomoda sul sedile anteriore appiccica sulla plancia un cartellino con il suo nome… da giorni continua a insistere che dovrei dare un nome alla mia macchina (usanza tipicamente inglese… che ci volete fare!) e viste le mie reticenze ha deciso lei per me: si chiamerà Jennifer come lei. E così sia.

Dopo caffè e brioche, alle 6.30 lasciamo L’Aquila e partiamo alla volta di Ciampino. Le cime delle montagne sono lambite dai primi raggi di sole e la luce rosata, mista a una leggera nebbiolina, crea uno scenario da favola. All’arrivo in notturna, una settimana fa, gli amici inglesi non si erano goduti il panorama e dunque il tragitto lungo la A24 “Strada dei Parchi” è tutta una meraviglia: aggettivi come “astonishing”, “so beautiful”, “amazing”, “astounding” etc. non si sprecano.

Alle 7.30 circa siamo già sul Grande Raccordo Anulare e non c’è neppure troppo traffico. All’arrivo all’aeroporto di Ciampino, quando è il momento dei saluti, Jennifer è visibilmente commossa e continua a ripetere che vorrebbe poter rimanere un po’ di più in Italia. Anche Ziad sembra mettere da parte la sua proverbiale imperturbabilità inglese e mentre mi abbraccia non smette di ringraziare per l’esperienza vissuta assieme in questa settimana.

Rientrando all’Oratorio, appena uscito dal casello di Aquila Ovest faccio una breve deviazione per andare a dare un’occhiata ad una delle aree del “Piano C.A.S.E.” previste dal Governo per la ricostruzione della città. E’ l’area S. Antonio, la più vicina al centro città, e il mio animo di architetto mi impone di scattare qualche foto da condividere poi con i miei colleghi in studio al rientro a Conegliano; la soluzione delle piastre antisismiche è al tempo stesso semplice e tecnologicamente avanzata; i lavori proseguono molto speditamente e le prime case dovrebbero essere consegnate a metà settembre. Peccato che, a detta degli stessi Aquilani che ho incontrato, questo piano straordinario sia l’unico realmente attivato, mentre la ricostruzione o la ristrutturazione dei tantissimi edifici esistenti danneggiati o crollati è ben lontana dall’essere realmente messa in pratica.

In tarda mattinata in Oratorio è prevista la riunione di verifica finale e si tirano le somme della settimana appena conclusa. Il gruppo di animatori, circa una trentina, a turno dice la sua e apre il proprio cuore per condividere i pensieri, le emozioni, i momenti più belli e quelli più difficili che porteranno con sé al ritorno a casa. Alessandra e Sara non si fermano per pranzo: hanno la corriera per Roma, dove le attende il treno per La Spezia, e non possono fermarsi a pranzo: inizia dunque il giro di saluti, baci e abbracci, le foto di gruppo finali…

Per l’ultima volta andiamo a pranzo al Campo di Accoglienza Mobile di Piazza d’Armi. E per la prima volta, liberato dall’impegno “istituzionale” di fare compagnia agli amici inglesi, riesco finalmente a sedermi allo stesso tavolo degli altri animatori e a fare con loro due chiacchiere in tranquillità… è una sensazione bellissima e quasi liberatoria… peccato esserci riuscito solo l’ultimo giorno, ma del resto il settore dei corsi di Inglese che abbiamo seguito per tutta la settimana era così specifico e per così dire a sé stante, che non riuscivamo sempre ad interagire come avremmo voluto con gli altri volontari; ma va bene così, significa che c’è sempre spazio per un miglioramento e per trovare un equilibrio più efficace tra le mille attività dell’Oratorio, qualora dovessimo nuovamente organizzare qualcosa di simile.

I volontari della Protezione Civile della Regione Emilia Romagna a fine pasto ci salutano improvvisando un ballo e cantano in onore di tutti i presenti “Romagna Mia”, con tanto di fisarmonica quale indispensabile accompagnamento musicale.

Nel frattempo al nostro campo è rientrato anche don Flaviano, dopo la trasferta romana, e ci stringiamo tutti intorno a lui per raccontargli le impressioni sulla settimana trascorsa in Oratorio, i momenti più riusciti, le difficoltà riscontrate, gli spazi di miglioramento… e lui attento a ciascuno e per ciascuno ha una parola di ringraziamento e riconoscenza.
Don Giuseppe mi comunica che in questi giorni a Roma si è discusso anche del futuro della presenza salesiana a L’Aquila. L’estate ragazzi si chiude ufficialmente venerdì prossimo, 4 settembre, con una grande festa finale, ma già si pensa al “dopo”. La fase di avvio, seguita da don Flaviano, ha posto le basi per una presenza continuativa nell’area. Flaviano se ne andrà ma al suo posto ci saranno altri due salesiani che, assieme a don Giuseppe e Ilario, formeranno il nuovo nucleo della comunità salesiana a L’Aquila. I progetti sono tanti e ambiziosi: i nuovi corsi Cnos che dovrebbero aprire a settembre, nuove strutture prefabbricate per affrontare al meglio l’inverno, forse il nucleo di una nuova casa salesiana in questa parte di città. Una realtà che dobbiamo sostenere.

Il gruppo di Torino Valsalice parte a metà pomeriggio, io preferisco dormire un pochino prima di mettermi di nuovo alla guida: tra una cosa e l’altra la squadra TGS Eurogroup parte attorno alle 18.00 da L’Aquila. Il momento dei saluti è il più difficile – non è però un addio ma solo un arrivederci!

Il lungo viaggio in macchina è l’occasione per riflettere sull’esperienza vissuta assieme e scambiarci qualche impressione a caldo, cercando pian piano di metabolizzare il tutto e mettere un po’ di ordine nelle nostre teste in cui continuano ad agitarsi pensieri e sensazioni in libertà.

Cosa rimarrà di questa settimana?
I volti dei ragazzi dell’Oratorio Don Bosco innanzitutto, e la loro voglia di vivere… i loro drammi familiari e i traumi che li hanno segnati, che a volte riaffiorano nei momenti in cui meno te l’aspetti… il bimbo che è rimasto orfano di entrambi i genitori lo scorso 6 aprile, e che è rimasto lui stesso intrappolato per 12 ore sotto le macerie della sua casa prima di essere tratto in salvo… il terrore negli sguardi di tanti bambini quando giovedì pomeriggio la furia del vento faceva tremare il tendone e loro subito a gridare “Il terremoto! Il terremoto!”… ma allo stesso tempo rimarrà nei nostri cuori il coraggio, la dignità e la voglia di tornare ad una vita normale di questi ragazzi e delle loro famiglie che gravitano attorno a questo Oratorio e che in esso vedono un punto di riferimento irrinunciabile… l’eccitazione dei ragazzi mentre gli venivano consegnati da Ziad e Jennifer i certificati finali di fine corso (per la cronaca: 21 studenti “Level A1” e 2 studenti “Level A2”) e gli sguardi di riconoscenza dei genitori presenti… le mamme che preparano il tè per gli inglesi durante il break… i giochi e i balli scatenati, il cerchio, le scenette, i bans, il caos totale alla distribuzione dei pasti, i momenti di festa e condivisione… le parole scambiate in alcune occasioni con i residenti incontrati al Campo di Accoglienza, nei negozi o in giro per la città, da cui trasparivano delusioni, preoccupazioni, aspirazioni, aspettative, speranze, certezze… i salesiani presenti in Oratorio e che rappresentano  un esempio da seguire per tutti noi: don Flaviano, Marco, Paolo, Alberto, don Giuseppe, Ilario, ma sì anche Salvatore con i suoi modi così bruschi!… tutta la grande comunità di animatori, tutto l’entusiasmo che hanno dimostrato e il modo davvero speciale in cui si sono spesi senza sosta per i ragazzi dell’Oratorio.

Grazie a tutti voi, è stata una settimana indimenticabile!

Igino


Raccolta di beneficenza
“TGS per i Salesiani de L’Aquila”
TGS EUROGROUP

2 Responses to “L’Aquila post # 08”


  1. 1 Antonella 30 agosto 2009 alle 19:13

    Cosa rimarrà di questa settimana?
    Tra tutti i ricordi e i sentimenti che si depositano nel cuore ce n’è uno che per me è della massima importanza… ed è quello di aver condiviso una settimana speciale con tutti voi!
    Quindi grazie anche al nostro gruppo Tgs per tutto cio’ che mi avete donato…

  2. 2 Bruna 1 settembre 2009 alle 15:46

    Durante la settimana che siete stati all’Aquila, non potendo fare nulla con voi da casa, aspettavo con impazienza il “post” quotidiano per riuscire ad esservi vicina, anche se solo di riflesso.
    Grazie per esservi sobbarcati anche il peso di scrivere ogni giorno qualcosa per chi non era con voi, ci avete fatto vivere con voi le vostre forti emozioni.
    Bravi, ragazzi!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Link

il sito web del TGS Eurogroup

Calendario

agosto: 2009
L M M G V S D
    Set »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Vuoi ricevere una notifica email per essere avvisato sulla pubblicazione di nuovi post? Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per iscriverti a questo blog!

Segui assieme ad altri 1.205 follower