Archivio per gennaio 2010

Una “colazione di lavoro” in stile TGS

Questa mattina il gruppetto di lavoro “planning e gite” del Consiglio Direttivo, composto da Francesca, Giulia, Marta e Giacomo, si è ritrovato a casa del sottoscritto a Conegliano per una “colazione di lavoro” molto informale.

Ma prima di metterci al lavoro, indispensabile un’ottima e abbondante colazione (appunto)! Ingredienti inglesi quali bacon & eggs (la pancetta direttamente dal Sainsbury’s di Tonbridge!) sapientemente mescolati a frittelle della più tipica tradizione veneziana.

E poi al lavoro per definire una prima bozza del planning dell’estate 2010, ovvero il programma dei vari centri TGS in Inghilterra suddiviso per singole attività nei vari momenti della giornata, tenendo conto delle osservazioni avanzate da studenti, genitori, leader e collaboratori inglesi a margine dell’esperienza dell’anno scorso.
Il planning sarà poi analizzato e verificato nei dettagli nel corso della prossima riunione ufficiale del Consiglio Direttivo, prevista per il 20-21 febbraio a Venezia.
Oggi in particolare ci siamo concentrati sulle gite pomeridiane.

Qualche anteprima esclusiva? Le gite quest’anno potrebbero includere, tra le varie mete, grandi classici come Oxford, Cambridge, Canterbury e Rochester; magnifici castelli e residenze reali come Windsor, Hampton Court, Leeds Castle e Knole Castle; le apprezzatissime gite al mare e/o in bicicletta, con destinazione Brighton, Seven Sisters, Penshurst Place, Dover e le sue bianche scogliere; gite in treno a vapore a Groombridge Place o gite in battello sul Tamigi fino a Greenwich; e per i più grandicelli, anche quest’anno è previsto l’appuntamento con il teatro di Shakespeare al Globe Theatre di Londra… ma di questo parleremo in un altro post!

Igino

31 Gennaio: la Festa di don Bosco!

Buona Festa di don Bosco a tutti gli amici del TGS! In occasione di questa giornata, riportiamo alcuni passi significativi del Messaggio che il Rettor Maggiore rivolge oggi a tutti giovani che si riconoscono nel Movimento Giovanile Salesiano.

«Signore, vogliamo vedere Gesù»
Strenna 2010 del Rettor Maggiore dei Salesiani

Carissimi Giovani,
eccomi qui, fedele al nostro appuntamento, in occasione della festa di Don Bosco, “padre ed amico dei giovani”.
Voglio essere il primo ad accogliere il programma spirituale e pastorale della Strenna e attraverso questo messaggio, a mo’ di dialogo tra voi e me, vi offro il vangelo e desidero farvi vedere Gesù, affinché anche voi possiate diventare suoi discepoli, testimoni ed apostoli.
Quando Gesù dice di voler vivere da noi e noi lo riceviamo in casa nostra, allora molte cose cambiano dentro di noi e il nostro modo di vivere si rivoluziona. Quando accogliamo Gesù nella nostra vita, Egli ci libera da tutto quanto non è Dio.
Una sola cosa conta: accoglierlo! E per questo occorre essere pronti e vigilanti: nel momento in cui ricevi la sua chiamata, hai la possibilità di diventare una persona libera, capace di disporre di te stesso per mettere la tua vita a servizio suo e degli altri.
Cari Giovani, voi potete essere dei geni, degli organizzatori, degli inventori, gente famosa, uomini e donne di successo… Ma tutto questo è niente davanti alla possibilità di essere uno strumento nelle mani di Dio.
Non potete avere una vita sterile, che avvizzisce ogni giorno un po’ di più. Potete, al contrario, essere carichi di frutti. È una vostra responsabilità: «Il Padre mio è il contadino – spiega Gesù – Ogni ramo che è in me e non dà frutto, egli lo taglia e getta via, e i rami che danno frutto li libera da tutto ciò che impedisce di dare frutti più ab­bondanti. Voi siete già liberati grazie alla Parola che vi ho annunziata».
Potete essere la bocca attraverso cui Dio continua a parlare agli esseri umani, strumenti per annunciare la vera libertà. Potete essere gli occhi che sanno vedere nell’oscurità del mondo per poi indicare agli altri la presenza di Dio e il suo Regno. Potete essere gli orecchi che in mezzo ai rumori e alle musiche degli iPod riescono a sentire ciò che non sembra più udibile: la voce di chi piange, di chi implora aiuto, di chi invoca rispetto e dignità e di chi chiede giustizia e pane. Potete essere le mani e i piedi per andare incontro alle persone e sollevarle e rimetterle in piedi nel nome di Gesù. E scoprirete di aver ricevuto molto di più di quanto siate riusciti a dare.
Questo è il segreto della felicità. «La felicità sta da un’altra parte, dalla parte che non pensate, dice Gesù. La felicità si costruisce solo con Dio».
Cari giovani, vi voglio bene ed ho accolto la vostra richiesta di farvi vedere Gesù. Ve l’ho fatto vedere e vi ho portati da Lui. Mi auguro che ora possiate confessare come i discepoli del Battista: «Abbiamo trovato il Cristo», e vi diate da fare per condurre altri a Gesù.
Con affetto e stima grande.

Roma, 31 gennaio 2010

Don Pascual Chávez V., SDB
Rettor Maggiore

Per leggere il testo integrale del messaggio del Rettor Maggiore, visitare il sito ufficiale dei Salediani di Don Bosco.
Per ulteriori risorse sulla figura di Don Bosco e la Spiritualità Giovanile Salesiana, visitare la pagina web creata appositamente dal MGS Triveneto su Donboscoland.

L’appello per Haiti del Rettor Maggiore dei Salesiani

Ecco il testo integrale dell’appello del Rettor Maggiore dei Salesiani per Haiti, lanciato lo scorso 18 gennaio per informare tutta la congregazione delle gravi perdite che la presenza salesiana ha subito con il recente terremoto e per sollecitare una raccolta di fondi a sostegno della ricostruzione.


Carissimi Ispettori,
Carissimi Confratelli dei Consigli Ispettoriali,
Carissimi Confratelli tutti,

penso che, in questi giorni,  tutti voi avrete seguito con attenzione e compassione il grande dramma di Haiti. Il terremoto del 12 Gennaio è stato di una violenza inaudita ed ha seminato morte e distruzione. I morti sono moltissimi, i senzatetto milioni e a tutto ciò si aggiunge la totale destabilizzazione di un paese ormai senza concrete strutture di governo.
Per noi Salesiani, le perdite più gravi sono, ovviamente, quelle delle vite umane di tantissimi nostri giovani, ragazzi e bambini (circa 500) e di tre nostri Confratelli.
Il sisma ha praticamente distrutto tutte le nostre opere di Port-au-Prince. La Casa Ispettoriale è gravemente danneggiata e praticamente inabitabile. La Scuola professionale ENAM è andata totalmente distrutta. Le Petites Ecoles del Padre Bonhem sono crollate. La Casa per i Ragazzi di strada “Lakay” è stata distrutta. Il Postnoviziato e Centro di studi di Filosofia (anche per religiosi di altre Congregazioni) è totalmente inabitabile e dovrà essere abbattuto e ricostruito. Il Centro di Thorland è semidistrutto: sono crollati i padiglioni normalmente dedicati all’accoglienza di Confratelli e Gruppi di Giovani. La Scuola di Petion Ville è seriamente danneggiata. Di tutto ciò trovate testimonianze fotografiche nei reportage di ANS. A tutto ciò vanno aggiunti tutti i danni subiti dalle Case delle FMA.
I nostri Confratelli di Haiti sono provati duramente, ma indubbiamente essi stanno guardando a noi. Stanno invocando un aiuto e un sostegno che permetta a don Bosco di continuare la sua opera in questa nazione e che dia a loro stessi un segno di speranza nel continuare il loro cammino di Salesiani. Da giorni vivono radunati all’aperto, assieme a migliaia di persone. Siamo molto grati all’Ispettoria di Santo Domingo che si è fatta “prossimo” e ha fatto arrivare tempestivamente cibo e generi di prima necessità, e recuperando un confratello gravemente ferito.
Questa mia lettera intende essere un accorato e, al tempo stesso, forte appello alla solidarietà della nostra Congregazione Salesiana. Come in una famiglia tutti si chinano verso un figlio ammalato, così mossi da grande “com-passione” vogliamo farci carico di questa necessità straordinaria e soccorrere concretamente questa piccola Visitatoria così duramente provata.
Vorrei dirvi la mia gioia nel vedere che le Ispettorie più povere (dall’Africa, dall’Asia e dall’America) sono quelle che hanno risposto più prontamente e spontaneamente a questo appello alla solidarietà.
Pertanto invito tutte le Ispettorie e le Case Salesiane del mondo a inviare un aiuto significativo per questi nostri fratelli che sono in stato di assoluta necessità. Dopo le prime emergenze (cibo, acqua, sistemazione provvisoria…) si dovrà ripensare a un piano di ricostruzione che richiederà molte energie e molte risorse. Mi rivolgo a tutti e, con più insistenza, alle Ispettorie che dispongono di mezzi maggiori. Nel nome di don Bosco vi assicuro che il Signore benedirà questo vostro atto di carità. Siate generosi dunque, anche a costo di fare “attendere” qualche vostro particolare progetto!
Come avete visto la Congregazione ha indicato per i benefattori esterni un conto speciale della Procura di New Rochelle. Per le vostre donazioni vi chiedo di inviarle direttamente alla Direzione Generale, precisando, nella causale, la destinazione delle offerte per Haiti. Questo per un intervento più immediato e diretto che, personalmente, ho concordato con l’Ispettore di Haiti.
Carissimi, il nostro Padre don Bosco, credo, ci sfiderebbe in questo momento ad essere radicali ed ad avere una totale fiducia nella Provvidenza. Per questo io, nel nome di don Bosco, vi sto facendo questa richiesta a nome dei nostri fratelli più poveri!
Vi sono riconoscente per quanto farete. Dio vi benedica. Sarà il modo più bello questo di esprimere la nostra fedeltà al nostro comune Padre, in occasione della Prossima Festa di don Bosco.
In Lui vi esprimo il mio grande affetto e la mia stima.

Roma, 18 Gennaio 2010

Don Pascual Chávez V., SDB
Rettor Maggiore

E’ possibile contribuire agli aiuti per le opere salesiani con una donazione, seguendo le indicazioni riportate nel post:
Un aiuto per le opere salesiane di Haiti

On line il materiale informativo TGS Eurogroup

Dall’Area Stampa del sito web istituzionale del TGS Eurogroup è ora possibile scaricare tutti i documenti e il materiale informativo relativo ai Corsi Estivi TGS Eurogroup 2010!
In particolare:
Dépliant TGS Eurogroup 2010 [PDF – 305k]
Brochure “Un’estate con il TGS Eurogroup!” 2010 [PDF – 2,2 MB]
Locandina TGS Eurogroup 2010 [PDF – 200k]
Cartoline TGS Eurogroup 2010 [PDF – 165k]

Condividi queso post con studenti, genitori e famiglie che ritieni possano essere interessati alle attività TGS Eurogroup!

Il Consiglio Direttivo al lavoro!

Dopo i grandi festeggiamenti dell’Incontro dell’Amicizia, il Consiglio Direttivo torna al lavoro con una riunione di programmazione e pianificazione delle prossime attività associative.
La riunione di programmazione si apre proprio in questi minuti alla sede TGS Eurogroup di Mogliano Veneto (dopo una irrinunciabile colazione “dalla Nanda”, al bar gelateria di fronte al collegio!).

Incontro del Consiglio Direttivo TGS Eurogroup
Domenica 24 Gennaio 2010, ore 9.00

c/o TGS Eurogroup
Via Marconi 22, Mogliano V.to (TV)
Tel. 041.5904717
Ordine del Giorno:
  • pianificazione degli incontri di formazione leader
  • attività di promozione per la proposta studenti
  • attività di promozione per la proposta leader
  • rapporto su contatti con i collaboratori inglesi
  • analisi bozza dei programmi dei vari centri
  • definizione gruppi di volontari, con relativi ruoli e competenze, alla Su e Zo per i Ponti
  • calendario TGS Whiteboard
  • aggiornamenti dalla Segreteria
  • varie ed eventuali

A tutti buon lavoro!

Igino

Van Gogh a Londra

Apre oggi, naturalmente a Londra, la mostra “The Real Van Gogh. The Artist and His Letters” che sarà ospitata alla Royal Academy of Arts sino al prossimo 18 Aprile.

L’esposizione si preannuncia già come un evento particolarmente atteso; vedrà esposti 65 dipinti, 35 manoscritti in francese ed olandese e circa 30 disegni riuniti dai musei di Amsterdam, New York, Boston, Los Angeles e Londra.

La mostra, alla luce dei recenti studi sul celebre pittore, intende dimostrare come Van Gogh non fu un grande uomo solo per la produzione artistica, ma intende illuminare il pittore di una nuova luce, con le riflessioni che emergono dagli scritti personali che Van Gogh indirizzava sia a persone della sua famiglia (il fratello Theo, suo importante punto di riferimento e la sorella Wilhelmina) sia ad artisti contemporanei come, ad esempio, a Paul Gauguin.

Del decennio tra il 1880 ed il 1890, anno in cui Van Gogh si suicidò, rimangono circa 900 lettere scritte da lui, completate con schizzi e disegni che lasciano trapelare un uomo dominato da grandi passioni e grande determinazione.

Le lettere esprimono non solo la passione dell’artista per il proprio lavoro, la trascrizione dello studio della natura per riprodurla sulla tela, ma anche la passione per la letteratura, primi tra tutti i romanzi di Zola e Dickens.

Tra le opere più significative esposte alla Royal Academy ci sono L’Autoritratto, La Casa Gialla, La tavola con le cipolle e La sedia di Vincent con la sua pipa in arrivo direttamente dalla vicina National Gallery di Londra.

Per info sulla mostra, biglietti e special offers:

Royal Academy of Arts: “The Real Van Gogh: The Artist and His Letters” Exhibition

Per un assaggio di ciò che pensa Londra del pittore fiammingo e delle sue lettere:

Articolo su “The Guardian”

Articolo su “The Telegraph”

Articolo su “Daily Mail”

Buona visita.

Alessandra

Un aiuto per le opere salesiane di Haiti

La presenza salesiana in Haiti è in grave difficoltà. Il MGS Triveneto, attraverso le due ispettorie di appartenenza, si fa promotore di una raccolta fondi.

I SALESIANI DON BOSCO ad HAITI
Dalla lettera di don Pascual Chavez ai Salesiani
“Per noi Salesiani, le perdite più gravi sono, ovviamente, quelle delle vite umane di tantissimi nostri giovani, ragazzi e bambini (circa 500) e di tre nostri Confratelli.
Il sisma ha praticamente distrutto tutte le nostre opere di Port-au-Prince. La Casa Ispettoriale è gravemente danneggiata e praticamente inabitabile. La Scuola professionale ENAM è andata totalmente distrutta. Le Petites Ecoles del Padre Bonhem sono crollate. La Casa per i Ragazzi di strada “Lakay” è stata distrutta. Il Postnoviziato e Centro di studi di Filosofia (anche per religiosi di altre Congregazioni) è totalmente inabitabile e dovrà essere abbattuto e ricostruito. Il Centro di Thorland è semidistrutto: sono crollati i padiglioni normalmente dedicati all’accoglienza di Confratelli e Gruppi di Giovani. La Scuola di Petion Ville è seriamente danneggiata. A tutto ciò vanno aggiunti tutti i danni subiti dalle Case delle FMA.”
I fondi raccolti per i Salesiani don Bosco verranno consegnati al Rettor Maggiore durante la Festa dei Ragazzi del 21 marzo.

LE FIGLIE DI MARIA AUSILIATRICE ad HAITI
Madre Yvonne Reungoat, Madre Generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice, sta seguendo personalmente, momento per momento, gli sviluppi degli eventi soprattutto per quanto riguarda le comunità di Haiti. Dalle comunicazioni risulta che le suore salesiane delle comunità rilevano che non ci sono stati danni alle persone.
Attualmente tutte le suore salesiane haitiane sono a tempo pieno e ininterrottamente a servizio della popolazione più colpita. Vivono “a cielo aperto”, vista l’insicurezza di agibilità delle case salesiane. In questo momento serve tutto: cibo, acqua, medicinali.
I fondi raccolti per le Figlie di Maria Ausiliatrice verranno consegnati alla Madre Generale.

MGS Triveneto raccoglie fondi tramite:
Ispettoria Salesiana San Marco SDB
– conto corrente postale n. 15855315
– bonifico bancario
BANCA CREDITO COOPERATIVO MARCON
IBAN: IT 15 Y 08689 02001 002010006651
intestati a Ispettoria Salesiana San Marco

Ispettoria Salesiana Madre Mazzarello FMA
– conto corrente postale n. 008330930694
– bonifico bancario
BANCA DELLA MARCA C/O 8 FIL. CONEGLIANO
IBAN: IT 31 W 070 8461 620 CC0080930694
intestati a Comunità Religiosa Ispettoria Triveneta

Causale: aiutiamo le opere salesiane di Haiti

info: mgs@donboscoland.it – tel. 041.5498338

Scarica il volantino in PDF: HAITI_2010


Link

il sito web del TGS Eurogroup

Calendario

gennaio: 2010
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio

Vuoi ricevere una notifica email per essere avvisato sulla pubblicazione di nuovi post? Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per iscriverti a questo blog!

Segui assieme ad altri 103 follower