Grest: la risposta dei Salesiani

Riportiamo un’intervista a Don Giovanni D’Andrea, Delegato TGS Nazionale nonché Presidente di Salesiani per il Sociale – Federazione SCS/CNOS, che ci parla del ruolo sempre più centrale dei Grest organizzati dai Salesiani in tutta Italia. L’intervista è stata recentemente pubblicata dall’agenzia giornalistica quotidiana “Redattore Sociale”.

Finisce la scuola, la risposta dei Salesiani: in campo 3 mila volontari in oltre 160 oratori

Cresce la domanda dei genitori: le offerte dei salesiani coinvolgono 30 mila ragazzi. A questi, vanno aggiunti circa 3 mila volontari. Don Giovanni D’Andrea: “Noi abbiamo sempre fatto la nostra parte. Ma adesso le istituzioni pubbliche ci contattano più assiduamente”

dongiovanni“Quella degli oratori salesiani è un’attività che fa parte da sempre della nostra tradizione, sin dal primo dopoguerra. Ciò che si evidenzia è oggettivamente una crescita della richiesta da parte delle famiglie, strette tra difficoltà organizzative con la fine della scuola e la crisi economica degli enti pubblici, che ha portato alla soppressione di alcuni servizi e iniziative”. Così don Giovanni D’Andrea, presidente della Federazione SCS/CNOS e responsabile dell’area oratori dei salesiani.

Sono 160 gli oratori gestiti in Italia dai Salesiani, che diventano 166 se si aggiungono anche quelli aperti in Albania e Kossovo. Complessivamente, sono circa 30 mila i ragazzi che vi accedono, a cui vanno aggiunti circa 3 mila giovani volontari. Sono loro che, uniti agli oltre 200 confratelli, gestiscono e garantiscono il supporto, l’animazione e la formazione degli stessi ragazzi.

Afferma don Giovanni: “Siamo già presenti con i nostri campi estivi: da metà giugno, dopo la fine della scuola, a metà luglio la nostra presenza è garantita sul territorio. In molte zone si aggiungono poi campi estivi e colonie, che fanno slittare fino a metà agosto la nostra attività di supporto alle famiglie. L’unica fascia scoperta è praticamente da metà a fine agosto. Ma non dappertutto. In zone tradizionalmente difficili la nostra attiva presenza non viene mai meno. Come nel quartiere Ballarò di Palermo, nel Rione Amicizia di Napoli o nel quartiere Redentore a Bari. In questi quartieri, infatti, svolgiamo quasi un servizio a bassa soglia, con una funzione sociale alta e complessa”.

Dicevamo del settore pubblico. Meno risorse, ma le esigenze restano. “Già – afferma don D’Andrea – il pubblico a volte garantisce un po’ di risorse, non altro. La nostra attività può essere portata avanti, allora, con l’opera volontaria di parecchi giovani. A volte ci affidiamo a progetti, come quelli di servizio civile (fermi però da tempo). Alcuni oratori hanno convenzioni con l’ente pubblico. E in estate, soprattutto, tutto si muove con il volontariato dei più giovani. Stiamo parlando di ragazzi dai 16 ai 21 anni, quella fascia di giovani formata ai nostri Grest (Gruppo Estivo, è l’iniziativa estiva dei salesiani, ndr) che non è ancora pienamente impegnata con gli esami universitari. E’ gente che, avendo già fatto i gruppi estivi, ha già fatto un percorso e si è già avvicinato allo studio della proposta formativa. Per noi, infatti, il gioco è strumento e non fine dei nostri campi”.

L’impressione è che le nuove esigenze disegnino anche un nuovo ruolo per gli oratori… “In realtà gli oratori hanno sempre lavorato molto e hanno sempre fatto la loro parte – conclude don Giovanni D’Andrea – ma non abbiamo mai pensato all’aspetto comunicativo! Il lavoro con e sui giovani c’è sempre stato. Ma è un dato di fatto che ultimamente è aumentato. Così come è certo che le istituzioni pubbliche ci contattano più assiduamente. Alcuni confratelli mi dicono che prima sentivano i responsabili dei servizi sociali una volta al mese, adesso anche 5 o 6… Anche in inverno, per esempio, c’è il problema del sostegno scolastico, con quel grande spazio da gestire che si è aperto con la riduzione del tempo pieno scolastico”.

Una nuova fase, sancita anche dalla recente nota pastorale della Cei. “E’ la prima nota pastorale, il primo grande segno di attenzione sul ruolo sociale degli oratori. Un fatto molto importante”, conclude il responsabile della Federazione SCS/CNOS.

Redattore Sociale
Agenzia Giornalistica Quotidiana
www.redattoresociale.it

ROMA, 27 Maggio 2013

0 Responses to “Grest: la risposta dei Salesiani”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Link

il sito web del TGS Eurogroup

Calendario

giugno: 2013
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Archivio

Vuoi ricevere una notifica email per essere avvisato sulla pubblicazione di nuovi post? Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per iscriverti a questo blog!

Segui assieme ad altri 104 follower