TGS Eurogroup per la Siria: intervista a Don Munir

munirCome già annunciato all’Incontro dell’Amicizia TGS Eurogroup lo scorso gennaio (vedi precedente post: “TGS Eurogroup per la Siria: il progetto di solidarietà 2014“), per l’anno 2014 l’associazione destinerà le somme raccolte per beneficenza nel corso delle proprie attività alla missione Salesiana di Aleppo in Siria, una presenza salesiana significativa in una nazione da 3 anni tormentata dalla guerra civile.

L’Ispettore Salesiano Don Munir El Ra’i: sarà ospite speciale questa domenica 9 Marzo 2014 alla Festa dei Giovani organizzata dal Movimento Giovanile Salesiano Triveneto a Jesolo e Donboscoland lo ha intervistato in anteprima per conoscere meglio la realtà salesiana della Siria. Leggiamo assieme l’intervista…

Quali sono le attività portate avanti dalle comunità salesiane in questo momento di emergenza?
Durante questi tre anni di violenza, di conflitto e d’insicurezza, i Salesiani di Don Bosco della Siria sono rimasti al loro posto, vicini ai giovani, affrontando con loro questa situazione di sofferenza. Nulla è rimasto di quanto c’era prima e la vita è diventata sempre più difficile e, talora, insopportabile. Nonostante questo, i Salesiani durante l’estate hanno ripreso le loro attività estive. Ad Aleppo in collaborazione con la Chiesa locale, abbiamo organizzato tre grandi incontri ricchi di attività per centinaia di giovani cristiani.
Purtroppo nel pomeriggio del 21 agosto un missile ha colpito l’oratorio. Il rumore è stato terrificante; tutte le finestre si sono scardinate e l’intero edificio ha tremato come se ci fosse stato un terremoto. Grazie a Dio nessuno è rimasto ferito. A Damasco il nostro Centro Don Bosco ha potuto accogliere un numero rilevante di ragazzi e ragazze, provenienti da vari quartieri della città. I confratelli, con l’importante aiuto dei volontari, hanno organizzato corsi di lavori manuali, di lingue, di informatica e di pronto soccorso. E poi una giornata in piscina, la più gradita, perché ha colmato di gioia tutti i giovani. A Kafroun, la cui casa salesiana è diventata luogo di rifugio per tanti sfollati, soprattutto cristiani, 300 ragazzi hanno partecipato alle attività estive, tutte incentrate sul tema della pace. La stagione si è conclusa con una grande festa che ha coinvolto circa 1.300 persone. Ora i salesiani vorrebbero rilanciare l’insegnamento del catechismo, sospeso l’anno scorso per motivi di sicurezza.

Come vivono i bambini e ragazzi la situazione di violenza?
La situazione generale della Siria è dura per vari aspetti e permane nella instabilità con dolorosi episodi di violenza e di morte. La gente si sente come se fosse rinchiusa in una grande prigione. Non vi è alcuna possibilità di lavoro, mancano il cibo, le macchine, l’elettricità, le medicine e in qualche zona anche acqua e i combustibili. Le famiglie affrontano la situazione come meglio possono. Molti hanno lasciato la Siria e altri pensano di emigrare appena possibile. Naturalmente, questa dolorosa situazione pesa soprattutto sui giovani, che non vedono possibilità di futuro o di uscita dalla loro situazione, per cui vivono una vita senza scopo. Tuttavia, vi sono anche molti giovani che affrontano la realtà con coraggio e determinazione e si prestano volentieri come volontari. Ancora oggi, la sfida maggiore rimane l’educazione della gioventù.

Quali bisogni urgenti e come possiamo darvi una mano (anche facendo una “lista della spesa”)?
A causa della guerra sono venute a mancare tante cose e le poche che ci sono hanno dei prezzi proibitivi. Molte famiglie hanno perso il lavoro e la casa e i beni di prima necessità sono venuti a mancare. Per questo ci servirebbero cibo, medicine, carburante, vestiti, libri, cancelleria per la scuola, ma anche materassi, coperte, piccoli fornelli, stufe, ecc. Qualsiasi donazione è la benvenuta. Oltre a tutto questo, vi chiediamo una preghiera, che è molto importante.

(fonte: donboscoland.it)

Per sostenere la Missione Salesiana di Aleppo in Siria

E’ possibile effettuare donazioni dirette a favore della missione salesiana di Aleppo in Siria tramite bonifico bancario in euro sul conto corrente della Ispettoria Salesiana del Medio Oriente.

Conto corrente intestato a:
SALESIANS OF DON BOSCO MIDDLE EAST PROVINCE
IBAN NO: PS48JONB084404135180050021000
Causale:
“Emergenza Siria – comunità di Aleppo”

Lo Staff di TGS Whiteboard

Post correlati:
TGS Eurogroup per la Siria: il progetto di solidarietà 2014

 

0 Responses to “TGS Eurogroup per la Siria: intervista a Don Munir”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Link

il sito web del TGS Eurogroup

Calendario

marzo: 2014
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Vuoi ricevere una notifica email per essere avvisato sulla pubblicazione di nuovi post? Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per iscriverti a questo blog!

Segui assieme ad altri 1.108 follower