Su e Zo 2017: intervista a Bruna Rainaldi, Presidente TGS Eurogroup

Abbiamo intervistato Bruna Rainaldi, presidente dell’associazione TGS Eurogroup che promuove la Su e Zo per i Ponti di Venezia.

Come si inserisce la Su e Zo per i ponti nell’ambito delle attività e proposte del TGS Eurogroup e cosa rappresenta un evento così importante per l’associazione?

La passeggiata di solidarietà Su e Zo per i ponti, alla sua 39 edizione, ed i corsi estivi in Inghilterra, in essere da 48 anni, sono le due attività principali dell’associazione TGS Eurogroup. Ad esse, da alcuni anni, si sono aggiunte altre iniziative rivolte ai giovani, sviluppate nel solco dell’esperienza salesiana e aperte al turismo sostenibile e alla valorizzazione delle comuni radici europee quali il Progetto 18+, un percorso di educazione alla Cittadinanza Europea nella forma di un viaggio studio a Bruxelles che offre l’occasione di un incontro/confronto con le istituzioni europee; la partecipazione di alcuni nostri giovani soci agli incontri di formazione organizzati dall’organismo internazionale Don Bosco Youth-Net; il “Laboratorio di turismo giovanile e sociale”, percorso di alternanza scuola/lavoro rivolto agli studenti più maturi (16-18 anni). La Su e Zo rappresenta una occasione di aggregazione di realtà molto diverse tra loro, scolaresche, famiglie, gruppi di amici, gruppi folcloristici, che riconoscono il valore del turismo sostenibile e rispettoso del patrimonio artistico e ne fanno un’occasione concreta di solidarietà verso realtà salesiane che, seppur in difficoltà, continuano la loro opera a favore dei giovani.

Anche quest’anno la manifestazione sosterrà la missione dei salesiani a Damasco in Siria. In che modo è possibile sensibilizzare i giovani d’oggi verso l’attualità di queste terre tanto martoriate?

Nell’esperienza dell’oratorio, delle attività di animazione e di servizio agli altri i giovani toccano con mano quanto sia importante, per la loro propria crescita umana e spirituale, sia avere a disposizione un ambiente sano in cui esprimersi sia avere al loro fianco salesiani che hanno a cuore la felicità dei giovani stessi. Ed il cuore dei giovani ha lo stesso sogno di felicità da noi come a Damasco, in Siria. Quando si aiutano i giovani a riflettere su queste verità, che vivono in prima persona, sono loro stessi a sentire il bisogno anzitutto di ricordare i giovani a Damasco e poi di aiutare, in maniera più concreta, chi ha i loro stessi sogni ma vive situazioni difficili.

Il ricordo più bello che ti lega alla Su e Zo?

Ne avrei tanti, anche molto personali, ma da ogni singola edizione ho il ricordo di innumerevoli persone sorridenti, pronte alla battuta scherzosa, magari affaticate dopo innumerevoli ponti, ma con lo sguardo luminoso di chi ha condiviso una splendida giornata.

Lo Staff della Su e Zo

0 Responses to “Su e Zo 2017: intervista a Bruna Rainaldi, Presidente TGS Eurogroup”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Link

il sito web del TGS Eurogroup

Calendario

marzo: 2017
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Archivio

Vuoi ricevere una notifica email per essere avvisato sulla pubblicazione di nuovi post? Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto per iscriverti a questo blog!

Segui assieme ad altri 103 follower